GIOVANNI NUTI

Cantante e compositore dalle importanti collaborazioni (tra cui Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni, Lucio Dalla, Mango, Enzo Avitabile, Milva, Dario Gay, Marco Ferradini, Simone Cristicchi), GIOVANNI NUTI ha all'attivo 9 album (“Al parco dei silenzi”, “Giovanni Nuti”, “Disordinatevi”, “Poema della croce”, “Rasoi di seta”, “Una piccola ape furibonda, “Vivere senza malinconia”, “Una pequeña abeja enfurecida”, “Cantico delle Creature” ).

 

Toscano di Viareggio, GIOVANNI NUTI inizia a studiare pianoforte classico all’età di dieci anni. Nel 1989 esce l’album d’esordio “Al parco dei silenzi” e subito si impone come chansonnier elegante e raffinato. Il disco “Al parco dei silenzi” contiene la sua prima collaborazione illustre con Enrico Ruggeri, autore del testo “Notti di miele”.

 

Il secondo album dal titolo “Giovanni Nuti” è del 1991 (con gli arrangiamenti e la produzione artistica di Celso Valli) e Lucio Dalla suona la fisarmonica in “Ronda di notte”.

 

GIOVANNI NUTI collabora con altri cantautori: con Mango nel brano “I sensi miei” e con Roberto Vecchioni che lo ospita nel suo tour teatrale del 1991.

 

Nel 1994 esce il terzo album “Disordinatevi” con una versione in musica della poesia “I sandali” di Alda Merini; la produzione artistica è firmata ancora da Celso Valli, mentre Paolo Recalcati è autore dei testi. Grazie a questa composizione GIOVANNI NUTI conosce personalmente la poetessa e da questo incontro nasce un meraviglioso sodalizio artistico e una straordinaria amicizia.

 

Nel 2004 GIOVANNI NUTI compone le musiche dell’album “Milva canta Merini”, che segna il ritorno discografico di Milva in Italia dopo undici anni d’assenza ed è ospite della ”rossa” nel suo ultimo grande tour  in Germania (23 date nei principali teatri tedeschi).

 

Nel 2005 GIOVANNI NUTI pubblica l’album “Poema della croce” tratto dall’omonimo testo religioso della poetessa (pubblicato da Frassinelli), e nel 2006 viene rappresentato nel Duomo di Milano davanti a più di 4 mila persone con Alda Merini attrice per la prima volta in vita sua nel ruolo di Maria.

 

Nel 2007 esce il disco “Rasoi di seta” che contiene 21 poesie di Alda Merini musicate dal cantautore toscano e il duetto “Poeti” cantato con Simone Cristicchi (presente - con Alda Merini - alla serata evento al Teatro Strehler di Milano).

 

A novembre 2009 esce il singolo Una piccola ape furibonda”, anticipazione dell’album omonimo con 8 testi inediti di Alda Merini pubblicato il 21 giugno 2010. “Una piccola ape furibonda” diventa un recital di poesie e canzoni andato in scena con GIOVANNI NUTI, affiancato, in occasioni diverse, da Valentina Cortese e Lucia Bosé per la regia di Marco Rampoldi.

 

Il 5 dicembre 2011 esce “Vivere senza malinconia  - Canzoni dello Swing Italiano Anni ’30 e ‘40”, registrato con una jband in cui spiccano rinomati jazzisti come Marco Brioschi, Alfredo Ferrario e Giorgio Deleo.

 

Dal 16 luglio 2012 è in vendita digitale “Una pequeña abeja enfurecida – Giovanni Nuti canta Alda Merini” in spagnolo con la partecipazione straordinaria di Lucia Bosé.

 

 
Rasoi di seta Una piccola ape furibonda Una piccola ape furibonda La stufa di maiolica Gli inguini
Prima di venire
         
 
Come è grande il pensiero del mare Rasoi di seta Poema della croce Piedi adorati Sono nata il 21 a primavera

 


 

ELENA PAPESCHI

Nata a Lucca, a otto anni ELENA PAPESCHI inizia a studiare pianoforte rivelando ben presto una predisposizione non comune. Comincia pressoché subito a partecipare a numerosi concorsi nazionali classificandosi nelle primissime posizioni. A dieci anni la concertista Maria Tipo le conferisce il primo premio assoluto.
 

Contestualmente si esibisce in pubblico con grande successo. Frequenta il Conservatorio di Livorno, ma lo lascia poco dopo  per entrare in contatto con l’ambiente musicale fiorentino e proseguire gli studi con Tamara Selvi Pinzauti. Si diploma a diciannove anni presso il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze.
 

Per approfondire la tecnica pianistica e ampliare il proprio repertorio, studia per un certo periodo con Muriel Chemin e nello stesso tempo tiene concerti in duo pianistico e in altre formazioni di musica da camera.

Inizia  a comporre piccoli pezzi per pianoforte, che non presenterà mai in pubblico, ma che le danno stimolo per un nuovo approccio allo strumento, molto personale. Trasferitasi in Lombardia conosce diversi musicisti con i quali tiene concerti.
 

Si presenta alle selezioni per il trienno di perfezionamento in musica da camera tenuto da Pier Narciso Masi presso l’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola e ivi si diploma.

Ammessa a masterclass di Paul Badura-Skoda, studia per alcuni anni col Maestro, sia in Italia che in Austria. Contestualmente si dedica all’approfondimento storico ed esecutivo della tecnica pianistica.
 

Conosce il compositore e cantautore Giovanni Nuti che la coinvolge in un progetto interamente strumentale: brani originali di Giovanni Nuti dei quali ELENA PAPESCHI cura l’arrangiamento pianistico e l’interpretazione. Nasce così “Il gioco dei destini”.

 
 

“Duo Bazzaro”

Simone Rossetti Bazzaro, violino

Marco Rossetti, chitarra
 

 

“Viaggio musicale attorno al mondo”

Una selezione di brani, ritmi e suggestioni sonore, dai brani  classici di Bach e Paganini alla musica popolare e jazz, dalla bossa nova al tango di Piazzolla e alle melodie di Giovanni Nuti.

 

 Simone Rossetti Bazzaro proviene da una famiglia di musicisti e fin dalla più tenera età dimostra interesse e propensione verso la musica. Si iscrive al Conservatorio “G. Verdi” di Milano e si diploma in violino con il massimo dei voti e lode.

Suona anche la viola ed il pianoforte.

Pur iniziando una carriera come violinista “classico” in numerose orchestre ed in formazioni cameristiche, dimostra subito il proprio particolare interesse verso la canzone d’autore.

Conosce e collabora infatti con il sensibile cantautore Giovanni Nuti che mette in musica molti versi della poetessa Alda Merini (che dedicherà a Simone 3 sue poesie). Giovanni lo introduce anche nell'ambito della canzone d'autore.

 

Successivamente Milva ascolta e fa proprie le canzoni di Giovanni Nuti. Nasce così il progetto “Milva Canta Merini” che vede coinvolto Simone nella realizzazione dell’omonimo Cd e della tornée che si svolge in Italia ed all’estero (Germania, Grecia, Giappone).

Ha lavorato con altri artisti, tra i quali Stefano Bollani, Lucio "violino" Fabbri, Mauro Pagani, Enrico Ruggeri, Ivana Spagna e Roberto Vecchioni, Marco Ferradini, Andrea Mirò, Alberto Fortis, Ricky Gianco,

ecc.

Nel 2011 - 2012 ha partecipato al tour mondiale “Chocabeck” di Zucchero.

 

Marco Rossetti è diplomato in chitarra a plettro e ha suonato in varie formazioni milanesi di musica jazz e pop.

Si dedica alla didattica e all’insegnamento della chitarra.

Con Simone Rossetti Bazzaro condivide il progetto “Bazzaro studio”, registrazioni live, arrangiamenti e grafica nell’ambito musicale.

 

 

 

 

   

 

Home